Volley maschile B1 – Trasferta amara per i Diavoli: vince Iglesias

Volley maschile B1 – Trasferta amara per i Diavoli: vince Iglesias

Volley maschile serie B1 - Trasferta contro Iglesias da archiviare, anzi dimenticare, per i Diavoli non solo per il risultato, sconfitti 3-1, ma soprattutto per una concomitanza di spiacevoli situazioni, come un arbitraggio non sempre super partes, che non hanno reso vita facile ai nostri ragazzi.
Sei punti regalati, in un quarto set dove gli equilibri di gioco stavano cambiando, sono stati più che decisivi nel decretare la vittoria degli avversari. E così i Diavoli restano bloccati sul fondo della classifica, con un solo punto all’attivo.
Della trasferta resta tanta amarezza non tanto per il risultato, ma per come si è giunti a questa sconfitta.
Procediamo a piccoli passi.
Nel primo set avversari partiti a mille. Dalla linea dei 9 metri martellavano forte e nei primi 9 punti abbiamo subito 4 aces. Inizio non promettente per i Diavoli che avrebbe potuto incidere sin da subito sull’iter della gara. Primo set giocato e non giocato per i Diavoli, sottotono e con poca determinazione nel contrastare gli avversari che così hanno chiuso (25-12).
Nel secondo set i ragazzi sono stati bravi nel risollevarsi e nel giocare tutto il set punto a punto fino alle fasi finali: 22-21 per gli avversari, 23-22, 24-23. Peccato per l’ultimo punto conquistato dagli avversari. I Diavoli ci sono, giocano, attaccano, non si danno per vinti.
Il terzo è infatti il loro set, vinto 23-25. Entrano in campo determinati e concentrati, giocano bene, sono cresciuti in attacco, sono forti e all’altezza degli avversari e così il set fila liscio senza particolari problemi.
Arriva ora il tragico quarto set. Il gioco continua sulla riga dei precedenti due set, punto a punto con i Diavoli che attaccano e fanno punti. Al primo time tecnico 8-6 per Iglesias. Un piccolo appunto a questa fase di set è che avremmo potuto sicuramente essere più incisivi e crescere in fase break visto che gli avversari iniziavano a concedere qualcosa, la battuta era notevolmente calata e stavano commettendo qualche errore di troppo. Con queste premesse avremmo potuto giocarcela meglio per allungare le distanze a nostro favore.
10-8 per Iglesias: iniziano i problemi. Buon attacco di Pischiutta, che avrebbe segnato il 10-9, anche gli avversari ci danno palla, si preparano in ricezione, noi ci accingiamo a battere salvo poi all’improvviso vedere che l’arbitro ha assegnato il punto a Iglesias, inventandosi un’accompagnata di Pischiutta, che non c’era (anche agli avversari sembrava tutto regolare e che il gioco potesse continuare).
Su un punto pulito l’arbitro ha fischiato un’accompagnata e così dal probabile 10-9 ci siamo ritrovati sotto 11-8. Ma non finisce qui…da 10-8 fino al 18-10 inizia una serie di punti regalati. Andando con ordine in primis accompagnata di Pischiutta alla quale seguono cartellino giallo per Durand, un giallo alla nostra panchina, tetto su Durand non fischiato dall’arbitro che fa continuare l’azione e così gli avversari fanno punto, palla sulla rete con conseguente fallo da fischiare o per i Diavoli o per gli avversari…ma a questo punto l’arbitro cosa fa? Fa proseguire il gioco senza fischiare il fallo. L’arbitro poi fischia un tocco a muro di Priore che non c’era, ma non fischia un tocco a muro degli avversari che c’era, per loro stessa ammissione.

Solitamente in una partita l’arbitro è ininfluente ma in questo caso come si può non affermare il contrario? Non sono semplici congetture, ma punti!
Ecco il commento di coach Colombo al termine di questa assurda gara: “ che dire di questa partita se non che l’arbitro ha influito sul quarto set e forse su tutta la partita. I ragazzi, primo set a parte, nel secondo anche se perso, e nel terzo vinto erano lì a giocarsela con gli avversari. Nel quarto set si giocava punto a punto, tutto lasciava spazio alla possibilità di concludere il set e la partita in un altro modo. Gli avversari davano l’idea di essere in calo (col senno di poi idea confermata): la battuta era calata così come l’incisività e inoltre stavano commettendo qualche errore di troppo. Potevamo realmente giocarci la partita per andar a fare punti. Dispiace lamentarsi dell’arbitro , potrebbe sembrare un’attenuante alla nostra sconfitta, ma qui è plateale, non erano palle dubbio ad essere contestate e soprattutto nemmeno gli avversari contestavano quelle palle. Sei punti in un unico set sono tanti, troppi, soprattutto in una fase di equilibrio e di riassestamento del gioco. Si può vincere contro gli avversari, ma contro l’arbitro no.
Ribadisco che i ragazzi, a parte un primo set non al top, sono stati bravi a reggere e a reagire ad una partenza così aggressiva degli avversari. Hanno detto la loro giocando punto a punto e riuscendo a frenare l’impeto iniziale dei padroni di casa.”
I presupposti per far bene c’erano tutti e si stavano concretizzando , ma la complicazione del quarto set ha buttato all’aria ogni punto e la speranza, la possibilità di portare a casa qualche punto.
Ora, più che mai, serve proprio una reazione d’orgoglio di questi ragazzi…di questi Diavoli!

IGLESIAS- DIAVOLI ROSA (3-1)

(25-12) (25-23) (23-25) (25-14)

DURAND  1, PRIORE  14, PISCHIUTTA  6, TANGHERLONI  6, BROVELLI  7, GAVIRAGHI  8, PROCOPIO  L

ENTRATI: DE BERARDINIS, TALIENTO, MORATO

N.E: ROMANO, MARCHINI, LEVATI (IIL)

Leave A Response