World League chiusa per gli Azzurri: sconfitta per 3-2 contro gli Usa

World League chiusa per gli Azzurri: sconfitta per 3-2 contro gli Usa

Nazionale Maschile Pallavolo - Ancora un tie-break per gli azzurri di Mauro Berruto, che hanno concluso la loro World League cedendo al quinto set agli Stati Uniti. I nordamericani con questa vittoria di misura staccano il biglietto per la Final Six di Sofia. L’Italia già esclusa da sette giorni dall’atto finale del torneo, rientra con buone sensazioni a quattro settimane dai giochi di Londra 2012.
La squadra italiana ha perso, ma per tre set ha giocato ad alto livello contro un’avversaria di valore, decisamente in una condizione fisica migliore. Il ct azzurro non ha rinunciato a portare avanti il suo programma di allenamenti e poche ore prima del match aveva sottoposto i suoi ad una seduta in palestra pesi,  ben consapevole che questo avrebbe limitato il rendimento azzurro nel finale del match se questo si fosse protratto. E così è stato. L’Italia è stata competitiva e convincente per circa novanta minuti di gioco. Ha dimostrato carattere e qualità nel finale del primo set, quando ha annullato cinque set-point agli americani prima di imporsi. Ha fatto altrettanto bene nel terzo in cui ha vinto ancora ai vantaggi. Nel quarto è partita sparata volando 7-3. Poi di colpo ha rallentato e progressivamente ha subito la rimonta e poi la sconfitta, per colpa della quale la Francia ha dovuto cedere il posto in finale agli Usa.
In mezzo a diverse notizie confortanti, come la buonissima prova di Zaytsev e della coppia di centrali Fei e Birarelli, le note leggermente stonate sono la condizione fisica di alcuni elementi. Capitan Savani è rimasto per precauzione in panchina, a causa di un dolore alla schiena. Birarelli recuperato da un malanno simile nel tie-break ha lasciato il posto a De Togni per una contrattura al polpaccio destro. Mastrangelo è stato fuori tutto il week end, ma le sue condizioni stanno migliorando decisamente. Insomma piccole preoccupazioni, ma c’è tutto il tempo per recuperare e presentarsi alle Olimpiadi nelle condizioni ottimali.
Berruto si augurava che la sua squadra stesse a lungo in campo e probabilmente gli azzurri lo hanno preso alla lettera, giocando tutte e tre le gare al limite consentito dei cinque set: è quanto serviva per ritrovare il ritmo di gioco.
Tra poche ore la comitiva azzurra saluta il Texas e via Detroit farà ritorno in Italia. Quarantotto ore di riposo e poi nuovo raduno a Modena giovedì all’ora di pranzo.

 

STATI UNITI-ITALIA 3-2 (26-28 25-20 24-26 25-17 15-10)
STATI UNITI: Anderson 20, Lee 13, Stanley 25, Priddy 2, Holmes 11, Suxho 2. Libero: Lambourne. Lotman, Smith 2, Rooney 12. Non entrati: Thornton, Salmon. All. Knipe.
ITALIA: Zaytsev 21, Fei 14, Lasko 17, Parodi 10, Birarelli 13, Travica 4. Libero1: Bari. Libero2: Giovi. Papi 1, Boninfante, De Togni 1. Non entrato: Savani. All. Berruto.
ARBITRI: Eizovits (Isr)  e Turci (Bra).
Spettatori: 5200. Durata set: 31, 26, 29, 24.
Stati Uniti: bs 11, a 5, mv 18, e 9.
Italia: bs 14, a 3, mv 11, e 14.

Leave A Response