Italia, ecco le convocazioni per la Final Six di Nanchino dal 3 al 7 luglio

L’obiettivo si avvicina sempre di più ed è chiaro che la tensione si comincia a sentire. Tutti gli appassionati di pallavolo, però, non aspettavano altro che conoscere il nome delle quattordici azzurre che prenderanno parte alla Final Six che si svolgerà in quel di Nanchino, dal 3 fino al 7 luglio prossimi.

Sono state diffuse le convocazioni per la Volleyball Nations League di pallavolo femminile: finalmente, si sa qualcosa in più circa le scelte del commissario tecnico Davide Mazzanti. C’era una trepidante attesa per conoscere le ragazze che cercheranno di regalare un importante risultato alla Final Six di Nanchino e non è mancata pure qualche sorpresa.

L’Italia e l’avventura alla Final Six

Avete intenzione di scommettere sull’Italia come vincente della Final Six? Allora sono davvero numerose le piattaforme dedicate al giorno d’azzardo che mettono a disposizione delle quote davvero molto interessanti. Prima di iniziare, però, meglio dare un’occhiata ad un elenco creato dagli esperti dove puoi trovare ogni singolo casino online attivo, in modo tale da scommettere sfruttando i bonus più vantaggiosi e solo sui casino sicuri e affidabili.

Ci sono alcune novità rispetto all’ultima giornata che stata disputata in terra turca. Infatti, è da rimarcare la presenza di Paola Egonu tra le convocate per la fase finale. Non solo, visto che c’è anche la centrale Raphaela Folie, che gioca con l’Imoco Volley Conegliano e che andrà a prendere il posto di Sara Alberti, out per colpa di un infortunio alla spalla destra.

Confermate, quindi, Orro e Malinov come alzatrici, mentre tra le centrali troviamo Chirichella, Danesi, Fahr e, appunto, la novità Folie. I liberi sono De Gennaro e Parrocchiale, mentre tra le schiacciatrici ci sono Bosetti, Sorokaite, Pietrini, Sylla e Bosetti. Infine, l’opposto sarà proprio Paolo Egonu.

Il rientro di Paola Egonu era chiaramente preventivabile. L’assenza nell’ultimo turno giocato inTurchia era stata attuata come una sorta di turn-over, per farla recuperare soprattutto dal punto di vista fisico, in seguito all’episodio del calo di pressione che l’ha colpito poco dopo la fine del match contro la Corea Del Sud.

Dubbi sulle condizioni fisiche della Egonu

Per fortuna della Nazionale, quell’infortunio non ha lasciato particolari conseguenze sulla salute della brava Paola, che ha osservato un po’ di riposo e che, quindi, adesso è estremamente carica per tornare a dare il suo contributo alla causa azzurra, soprattutto in un evento molto importante come la Final Six della Nations League che si svolgerà a Nanchino.

È abbastanza chiaro come le speranze azzurre dipendano in buona parte anche dalle condizioni fisiche della Egonu. Sperando che sia davvero al meglio e che abbia recuperato al 100%, la Nazionale ha intenzione di dare continuità agli ottimi risultati conseguiti negli ultimi dodici mesi, cercando di puntare a qualcosa di ancora più importante rispetto all’argento conquistato ai Mondiali in Giappone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *