Novak Djokovic rinuncia all’ATP Cup di Sidney.

Il tennis come la pallavolo è uno sport seguito da persone appassionate a queste due discipline molto tecniche ed energetiche. Queste due discipline hanno dato vita a tornei internazionali e campionati molto seguiti, anche dai bookmakers online, ovvero dei siti scommesse con puntata minima di 3 euro. Peccato che il Covid proprio come nel calcio, a tutti gli sport crea molti problemi e situazioni particolari, ecco cosa sta succedendo nel tennis maschile.

Novak Djokovic rinuncia all’ATP Cup 2022 di Sidney

Novak Djokovic non ci sarà all’ATP Cup 2022 di Sidney, la conferma di questa assenza arriva a pochi giorni dall’inizio del torneo (ecco il calendario). Questa assenza fa pensare all’Australian Opena che inizierà il 17 gennaio fino al 30 gennaio. Il campione serbo potrebbe saltare anche questa sfida, una mancanza importante visto che ci sono tre vittorie consecutive e si può benissimo pronosticare un quarto successo.

Perché Novak Djokovic rinuncia all’Atp Cup 2022? Sembra che il motivo sia il vaccino, il campione serbo è tra gli scettici della vaccinazione. Nel comunicato ufficiale sul ritiro non ci sono cenni sulla situazione vaccinale di Novak e si legge soltanto questo: “il numero uno al mondo Novak Djokovic si è ritirato dall’ATP Cup 2022. La squadra serba sarà ora guidata dal n.33 al mondo, Dusan Lajovic.”

Per l’Italia: nuovi avversari a Sidney al posto dell’Austria.

Dalle gare si ritirano anche gli austriaci, avrebbero giocato contro l’Italia di Matteo Berrettini, Jannik Sinner, Lorenzo Sonego, simone Bolelli e Fabio Fognini. Per noi cambiano i rivali che saranno Ugo Humbert, Arthur Rinderknech, Edouard Roger-Vasselin e Fabrice Martin per la Francia. Prima partita girone B da vedere domenica 2 gennaio, un bell’inizio di anno per il tennis maschile.

Per Novak Djokovic, un’esenzione medica speciale è possibile?

La discussione vax e novax entra anche nel tennis internazionale, per evitare contagi è richiesta la vaccinazione anche fino a tre dosi. Logicamente, paese che vai leggi e situazione che trovi, quindi si aprono due strade. Chi dice che per la salute non si può chiudere un occhio nemmeno di fronte ad un campione del tennis come Novak. Di cercare comunque delle soluzioni, ad esempio un’esenzione medica speciale per mettere la partecipazione alle gare in Australia. Ecco che cosa riportano le ultime notizie.

Sky Sport riporta che dopo la notizia sulla rinuncia di Novak Djokovic all’ATP era arrivata una possibile apertura sull’obbligo vaccinale. Una esenzione medica per poter giocare dal 17 gennaio all’Australia Open.

E’ stato il quotidiano serbo Blic a scrivere di questa possibilità citando delle fonti del Tennis Australia. Il tutto per tutto per non perdere il nuovo grande scontro con Federer e Nadal, atteso da tutti gli appassionati di tennis internazionale. Sky sport parla di una trattativa serrata con al centro il rispetto dello status vaccinale, ci sono tennisti e tecnici che parlano di una “questione privata”, una necessità non dire pubblicamente se si è ricevuto il vaccino oppure no. A dirlo è Nole che si sta allenando presso l’Accademia di Belgrado ed è stato intervistato sulla rinuncia di Djovic e sulla situazione di altri tennisti vaccinati e non vaccinati che rischiano di non poter giocare a Sidney.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.